Raperonzolo in scena al teatro Blu

Ultimi articoli
Newsletter

Luino | Spettacolo ad ingresso gratuito

Raperonzolo in scena al teatro Blu

Fiaba per bambini rappresentata per la rassegna Terra e Laghi

Redazione Online

Un momento della fiaba
Un momento della fiaba

RAPERONZOLA è una fiaba tradizionale europea per bambini che andrà in scena ad ingresso gratuito il 22 settembre prossimo alle ore 16.30 a Palazzo Verbania di Luino. La proposta nasce dal contributo della Città di Luino per la rassegna Terra e Laghi organizzata dal Teatro Blu.

Scritta dai Fratelli Grimm con una narrazione classica, la storia è celebre per la sua protagonista Raperonzola, una bella fanciulla dalle lunghissime trecce d' oro salvata da un affascinante principe durante una prigionia in una torre in cui è rinchiusa da una Strega malvagia e misteriosa.

I raperonzoli sono la causa della sua infelicità: sua mamma naturale ne era ghiotta e per soddisfare la voglia di questa erba appetitosa durante la gravidanza, obbligava il padre a rubarne di nascosto nell’orto della strega cattiva. Alla terza incursione nel giardino il pover uomo si ritrovò faccia a faccia con la temibile strega. Questa, nonostante le sue giustificazioni, decise di punirlo, consentendogli di tornare a casa con i raperonzoli sottratti a condizione che, una volta nato, il bambino tanto atteso fosse consegnato proprio a lei, che prometteva di trattarlo bene. Disperato, l'uomo alla fine acconsentì.Il tempo passò e nacque una bella bambina. La strega la prese con sé e le diede il nome di Raperonzola e la rinchiuse in una torre.

Ma la fiaba insegna che vale la pena soffrire perchè prima o poi accadrà l' avvenimento destinato a cambiare la sorte . Ed ecco passare un principe sotto la solitaria finestrella.

Il procedimento da seguire per sbrogliare la matassa non è difficile: liberare la Bella dalla Torre e fuggire lontano dalla Strega . Questo è dunque il compito dei due protagonisti, ma per giungere alla meta è necessario usare il cuore e la ragione.

Infatti senza l' amore tra i due giovani nulla potrebbe succedere e senza la trovata della scala di seta non si potrebbe fuggire. Ma cuore e ragione non bastano perchè, come sempre, tra il dire e il fare c' è di mezzo il Male. E così ecco compiersi il triste destino di un principe cieco e della sua Bella perduta in un deserto. Qui avviene l' ultima svolta della nostra avventura.

Per giungere alla felicità definitiva occorre scoprire qualcosa che ci sostiene anche quando siamo tristi e soli , qualcosa che fa luce anche quando siamo ciechi:questo ingrediente invisibile e tenace ha un nome bellissimo, si chiama speranza e ha il verde colore dei dolcissimi e saporitissimi raperonzoli.

Testo Giampiero Pizzol; regia e scena Angelo Generali; con Aurelia Camporesi, Angelo Generali, Giampiero Bartolini.

Venerdì 20 settembre 2013

© Riproduzione riservata

847 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: